Up
Down
The Cut of the Opaque / Il Taglio dell’Opaco - Tommaso Trini

Ōki Izumi has asked herself if, and how, the flowing, glass sculpture she has constructed over the past ten years can be defined as a form of conceptual art. This is an interesting question, particularly relevant insofar as ordinary definitions of architecture, object, event, or even the environment (particularly if taken individually) do not adequately define her work. It is a compact unit; it has a labyrinthine structure.
No doubt something is taking place here. Ōki cuts her panes of glass, shaping the signs, the images, and the constructions which we later see. This action of cutting delineates the procedure behind the work, in which the transparent material is virtually sprayed with the movement of opaque clefts. The cracks are alive with flickering shadows, my gaze contributing to the variations in an interactive encounter with the reflective planes. The cut continues within the viewer the way a dance describes a labyrinth; in Ōki Izumi’s art an event is prolonged and extended within us.
In addition, they are obviously objects – art objects – and they are overtly related to architecture. Likewise, it goes without saying that we are confronted in her work with an environmental scale. Ōki’s early works conformed to architectural models – houses, factories, temples – soon becoming room installations, true environments. I see in the work of this young Japanese sculptor (who has worked many years in Milan) an advanced form of art, a complex art: it is “not-just-sculpture”.
Nevertheless, we are left to identify what her actually is. I can say that Ōki Izumi’s sculpture is at once architecture, event, environment and object, but shouldn’t exaggerate it’s unlimitedness: this would strip her work of its singularity. The extraordinary flexibility which allows each work to cross from “art object” to “design object” appears very singular to my Western eyes. The artist accomplishes this feat without any apparent contradiction, and without necessarily complying to characteristically Western notions of “low” art or craft. If anything, it is when Ōki forms a glass sculpture with iron table-legs that she is exerting the greatest effort. The relationship between her sculpture and architecture is not purely iconic; it is not simply the miniaturization in glass of an Escher-like labyrinth. In the well-chosen words of Pierantonio Volpini, “Ōki Izumi’s work is tangential to the architectural sphere, exploring form as a volume in space, akin to a container for mental space”. The objects or parts of objects (such as the supple “Japanese wave” supporting a prototypical table) she produces have their bodies in the design sphere and their souls in the art sphere. Such flexibility is perhaps related to the medium itself ― glass ― but also to the artist’s Japanese background and education. In Japan, techne and aesthetics have never been separated through idealization.
My answer, therefore, would be yes: Ōki’s is indeed a singular and subtle form of conceptual art. I like her way of visualizing a wealth of images to represent a water-filled aquarium as a solid volume, both of equal weight. I like the simplicity with which she freezes the motion of a fish or a plant within the static, almost crystallographic, block of glass, with its multiplicity of reflections.
Ōki Izumi’s conceptual constructivity participates in a variety of modes of activity and penetrates the layers of optical and intellectual perception (leading us to penetrate them ourselves) to the rhythm of repeated process: cutting glass. The cutting internalizes the figures within the material itself: an intellectual cut-up beyond “do it yourself”. The cuts are hand worked but nevertheless mathematically wrought. It is enough, however, to describe the abstract signs of the airy, serpentine volutes simply as what they appear to be: the Möbius stripe. Ōki’s constructions penetrate all this to find their identity elsewhere: in the purely conceptual dimensions of representational models through which we filter all things close to us and far away.
The transparency appeals to many; I prefer to the opaqueness. Ōki’s work is a detector of opaqueness. Indulging in the idea of transparency has rhetorical implications; an ecological, if not superhuman, rhetoric. One need not have Superman’s X-ray vision to see through the crystalline simulation of Ōki’s sculpture. Furthermore, there is no transparency that is not illusive, which does not verge on the edge or on a catastrophe. The sense of fragility experienced in her sculpture provokes a psychological desire to shatter them: anyone morbosely attracted to glass or ceramic sooner or later is tempted to smash these materials.
The slope of the panes of glass making up the images and the mind-boggling cut where we direct our gaze to receive volatile impressions of figures (or letters) imprisoned for ever, lead us to react rather than to relax. Ōki Izumi’s cuts refer far more to Thom’s theory of catastrophe than to Buddhist enlightenment. The transparency in this case acts primarily as the framework of opaqueness, of all the obtuse things we meet up against. The artist arranges the infinitesimal pattern of the cut for us to see into the glass, not through the mirror.
“I’ve always liked transparency very much”, Ōki Izumi recalls of her childhood and of her first experiences in painting on glass. One day her teacher Iwasaki chose to stop teaching her oil painting and told Ōki to “work in three dimensions which are more real”. Towards 1981, having moved to Italy, she began to develop musical sculpture with glass and fake wood (because she absolutely does not like real wood and marble). Finally, one day in 1988, she created “an idea of death I’ve had since I was little”: a glass construction within a box. This work, with its reflection upon reflection, created an endless hole, a simulation of a precipitous cliff. Today artist says that “transparency is deceiving” and, naturally, she plays with this very deception.
An increasing number of artists, particularly women artists, work with glass. Among them, Cloti Ricciardi, explained her fascination and inclination to the material in these terms: “perhaps glass implies an idea of purity”. With its implication of virtual motion, illusionary figures and the phenomenon of opaqueness, Ōki’s work ushers purity in through a wound. Through this indispensable purity she opens a path to understanding, or at least, she allows understanding to transpire.

January 1991

Ōki Izumi si è domandata se e come la fluente scultura in vetro che va costruendo da dieci anni, possa definirsi una forma d’arte concettuale. Una domanda interessante. La questione si fa tanto più pertinente quanto più le comuni nozioni di architettura, di oggetto, di evento e infine di ambiente non bastano a definire, specie se prese singolarmente, i confini di questa opera. E’ un’unità dura. Ha una struttura labirintica.
Qualcosa accade, evidentemente. Ōki taglia le sue lastre di vetro. Così lei configura i segni, le immagini e le costruzioni che poi noi vediamo. E’ questa azione che disegna il processo dell’opera, quasi irrorando la materia trasparente della sua scultura con il movimento di una faglia di opacità Taglio vivo, ombra cangiante, che il mio sguardo contribuisce a rendere mutevole in un incontro dove interagiscono con piani specchianti. Questo taglio continua nello spettatore come la danza struttura il labirinto. Nell’arte di Ōki Izumi perdura dunque un evento che dirama in me.
E ovviamente si tratta anche di oggetti, di oggetti d’arte. Come pure si ha un rapporto del tutto dichiarato con l’ambito dell’architettura. Manco a dirlo, inoltre, abbiamo a che fare con una dimensione ambientale. I primi lavori di Ōki erano conformati come modelli architettonici, immagini di case, fabbriche e templi; ma ben presto quei modelli sono diventati environment, vere e proprie installazioni ambientali entro una stanza. Con ciò, riconosco che l’opera della giovane artista giapponese che lavora da anni a Milano è arte avanzata, arte complessa: è "nonsoloscultura".
Sennonché, resta da individuare la sua identità. Posso dire che la scultura di Ōki Izumi è insieme architettura, evento, ambiente e oggetto, purché non esageri nell’illimitatezza: le toglierei ogni singolarità. Molto singolare risulta, ai miei occhi europei, per esempio, la straordinaria duttilità con cui lo stesso, singolo lavoro di Ōki può sconfinare dal suo statuto di oggetto d’arte allo statuto oggetto di design, senza apparente contraddizione, senza che l’astista debba accondiscendere alle nozioni prettamente occidentali di arte applicata o arti minori. Semmai, quando configura una scultura di vetro coi piedi di un tavolo in ferro, Ōki Izumi compie uno sforzo maggiore. La relazione della sua scultura con l’architettura non è puramente iconica, non si si limita a miniaturizzare in vetro con un labirintico edificio alla Escher. Come ha ben scritto Pierantonio Volpini, "Il lavoro di Ōki Izumi è tangente alla sfera architettonica perché indaga la forma come volume dello spazio e come contenitore dello spazio mentale". Esso produce anche oggetti, o parti di oggetti come nella flessuosa ‘onda giapponese’ che scorregge il prototipo di un suo tavolo, con il corpo nella sfera del design e con l’animo della sfera dell’arte. Tanta duttilità avrà forse a che fare con medium del vetro, ma certamente deriva dalle radici e dall’educazione dell’artista in Giappone – là dove la techne e l’estetica non sono mai state separate da idealismi.
Allora, la risposta è sì. Abbiamo a che fare con un’arte singolarmente e velatamente concettuale. Mi piace il sul suo modo immaginifico di visualizzare un acquario liquido in un volume solido, entrambi egualmente pesanti; o la semplicità con cui congela la modalità di un pesce o una pianta entro la staticità di un massello di vetro, quasi cristallografico, che ha molteplici riflessi.
La costruttività concettuale di Ōki Izumi partecipa a diversi ambiti operativi e attraversa (e ci fa attraversare) varie stratificazioni delle nostre percezioni, sia ottiche sia mentali, sul ritmo di una medesima procedura, il taglio del vetro. Taglio che interiorizza le figure dentro la materia stessa, ‘cut up’ intellettuale che sfugge al bricolage manuale. Taglio lavorato in modo artigianale e tuttavia matematico. D’altronde, basta descrivere i suoi segni astrattizzanti dalle volute serpentine ad aree per quel che appaiono: sono nastri di Moebius. Le costruzioni di Ōki attraversano tutto questo per identificarsi altrove: ossia nella dimensione puramente concettuale dei modelli di rappresentazione con cui filtriamo tutti i nostri contatti e nostre distanze.
Molti sono attratti dalla trasparenza, io preferisco dibattermi nell’opaco. I lavori di Ōki sono rilevatori di opacità. C’è qualche retorica nell’abbandonarsi al tema della trasparenza: retorica ecologica, quando non superumana. Non bisogna avere lo sguardo a raggi X di Superman per attraversare la simulazione cristallina delle sculture di Ōki. E comunque non c’è trasparenza che non sia illusiva, che non traspaia su una barriera o una catastrofe. Psicologicamente, l’esperienza della fragilità di queste sculture comporta anche lo stimolo o infrangerla. Chi è morbosamente attratto da vetri e ceramiche prima o poi desidera spaccarli.
Il digradare dei piani di vetro che configura le immagini, il taglio insondabile a cui applichiamo il nostro sguardo per riceverne volatili impressioni di figure (o lettere) per sempre imprigionate, sono motivo di stimolo a reagire e non rilassarci. Il taglio di Ōki Izumi rimanda alla teoria delle catastrofi di Thom ben più che allo stato di illuminazione di Budda. Qui la trasparenza funge più che altro come cornice dell’opaco, di tutte le cose ottuse contro cui scontriamo. L’artista assembla il flusso millimetrico dei tagli per farci vedere dentro la lastra di vetro e non attraverso lo specchio.
“Mi piaceva molto la trasparenza”, ricorda Ōki Izumi dalla sua infanzia, e via via dalle prime esperienze pittoriche su vetro. Un giorno, il suo maestro Iwasaki smise d’insegnare la pittura a olio e le disse di “lavorare nelle tre dimensioni perché sono più reali”. Venuta in Italia, verso il 1981 cominciò a elaborare sculture musicali con vetro e cornici di legno finto poiché il marmo e il legno non le piacevano proprio. Finché un giorno - era il 1988 – realizzò “un’idea della morte che avevo fin da piccola”. Fece una costruzione di vetri in una scatola che, riflesso in riflesso, creavano un buco senza fine, una simulazione di precipizio. Oggi, l’artista dice che “la trasparenza inganna” e, naturalmente, con tali inganni lei gioca.
Cresce il numero di artisti, specie artiste, che lavorano con il vetro. Una di loro, Cloti Ricciardi, ha così motivato la sua affascinata predilezione per questo mezzo: “Il vetro racchiude forse l’idea della purezza.” Racchiudendo moti virtuali, figure illusore e fenomeni di opacità, l’opera di Ōki Izumi apre la purezza attraverso la ferita. E attraverso l’indispensabile purezza apre anche le vie della conoscenza, o comunque le fa traspirare.

Gennaio 1991

Copyright © Oki Izumi 2008 Oki Izumi 20135 Milano - via Anfossi, 8. tel. fax. +39 02 55193390 mail: izumiok@tin.it